title_magazine

Il rovescio della medaglia

di Desmond Nakano

Take up the White Man’s burden
Send forth the best ye breed
Go bind your sons to exile
To serve your captives’ need;
To wait in heavy harness,
On fluttered folk and wild
Your new-caught, sullen peoples,
Half-devil and half-child.

(Rudyard Kipling, The White Man’s Burden, 1899)

Raccogli il fardello dell’Uomo Bianco. Disperdi il fiore della tua progenie. Obbliga i tuoi figli all’esilio per servire le necessità dei tuoi prigionieri; per vegliare pesantemente bardati su gente inquieta e selvaggia. Popoli da poco sottomessi, riottosi, metà demoni e metà bambini.

Era il 1988 quando Rudyard Kipling pubblicava la poesia The White Man’s Burden sulla rivista «McClure’s», ispirata alle guerre di conquista intraprese dagli Stati Uniti nei confronti delle Filippine. La poesia divenne un vero e proprio manifesto dell’imperialismo e l’espressione white man’s burden un modo per riferirsi alla necessità di civilizzare i paesi estranei alla cultura europea-occidentale. Nel 1995 il regista statunitense Desmond Nakano sceglie l’espressione The White Man’s Burden (Il rovescio della medaglia) come titolo per il film che segna il suo esordio dietro la macchina da presa. Nakano però nel suo film ribalta la situazione rispetto alla poesia di Kipling e ambienta il racconto in città immaginaria degli Stati Uniti nella quale gli afroamericani sono uomini di cultura, istruiti e ricchi, mentre i bianchi sono ignoranti e poveri.

Ne Il rovescio della medaglia, il quarantenne Louis Pinnock, bianco, sposato con due figli, è operaio in una fabbrica di dolci e fa di tutto per ingraziarsi il caporeparto, il nero Lionel, così da diventare caposquadra. Un giorno consegna per Lionel un pacco al proprietario della fabbrica Thaddeus Thomas, sessantenne nero, che s’infastidisce perché si accorge che Louis intravede la moglie nuda. Thaddeus chiede un altro fattorino e questa richiesta è motivo sufficiente per licenziare Louis. Pinnock cerca di chiarire l’equivoco ma Thaddeus neppure si degna di riceverlo e, in seguito allo sfratto esecutivo, perde la testa e rapisce il ricco proprietario per farsi dare una modesta somma di denaro, giusto quello che gli spetta, ma i due trovano la banca chiusa e da quel momento le cose iniziano ad andare sempre peggio.

Il rapimento diventa una scusa per il regista e sceneggiatore Nakano per trasportare Thaddeus nei sobborghi sporchi e pericolosi dove vivono i bianchi e rendersi conto di una realtà a lui quasi sconosciuta. Un’esperienza dalla quale Tahddeus imparerà molto ma nei confronti della quale avrà sempre un atteggiamento paternalistico e caritatevole dovuto a un tardivo senso di colpa.

Il rovescio della medaglia si basa sulla forza dell’interpretazione dei due protagonisti - Pinnock, interpretato da John Travolta e Thaddeus, interpretato da Harry Belafonte, da anni assente dal grande schermo come protagonista. Il gioco del ribaltamento dei ruoli funziona molto bene all’inizio del film ma prosegue trascinandosi sempre più verso la fine drammatica.
Se il titolo italiano esplicita il gioco scelto da Nakano, quello originale rimane sicuramente più incisivo e provocatorio con l’esplicito richiamo a quella che per secoli è stata la cultura del colonialismo e dell’imperialismo.

A marzo è uscita l’edizione in DVD de Il rovescio della medaglia per l’Home Video Entertainment che ha scelto di non inserire nessun tipo di contributo speciale né la possibilità di scegliere di vederlo sottotitolato, ma solo nella versione originale inglese che però permette di godere della voce profonda e vellutata di Harry Belafonte, interprete dello storico Carmen Jones (id., 1954) di Otto Preminger.

Cast & CreditsIl rovescio della medaglia (White Man’s Burden)
Regia: Desmond Nakano; sceneggiatura: Desmond Nakano; fotografia: Willy Kurant; musiche: Howard Shore; montaggio: Nancy Richardson; scenografia: John Ivo Gilles; costumi: Isis Mussenden; interpreti: John Travolta, Margaret Avery, Harry Belafonte, Tom Bower, Willie Carpenter, Robert Gosset, Kelly Lynch, Sheryl Lee Ralph, Bumper Robinson, Carrie Snodgress, Tom Wright; origine: Francia/Usa, 2006; formato: 35 mm, 1.85, Dolby Srd; durata: 89’; produzione: A Band Apart, Chromatic, Home Box Office (HBO), Rysher Entertainment, Union Générale Cinématographique (UGC); distribuzione homevideo: Mondo Home Entertainment.
DVD nella confezione: 1; supporto: DVD5 – singolo lato, singolo strato; regione: 2; formato video: 1.85:1; formato audio: Dolby Surround; tracce audio: Inglese (originale, 2.0), Italiano (2.0).

Versione stampabile: Enregistrer au format PDF
fine_sezione
title_news
venerdì 12 gennaio 2018

Viaggio in Italia con il cinema tunisino

A 50 anni dal primo passaggio di Roberto Rossellini in Tunisia per le riprese de Gli atti degli (...)

martedì 2 gennaio 2018

Terminate in Marocco le riprese di Sofia

Sono terminate a dicembre le riprese di Sofia, primo lungometraggio della cineasta (...)

lunedì 4 dicembre 2017

I premi del RIFF

Sono stati annunciati ieri i vincitori della XVI edizione del RIFF – Rome Independent Film (...)

lunedì 4 dicembre 2017

Balon e Talien premiati al TFF

Alla cerimonia di chiusura del trentacinquesimo Torino Film Festival che si è svolta lo scorso 2 (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha