title_news_large
lunedì 1 novembre 2010

Babel: un nuovo canale per i "nuovi italiani"

Finalmente qualcuno ha pensato ad un canale televisivo a misura dei cosiddetti "nuovi italiani", che sono più di 4 milioni e che dal prossimo 8 novembre avranno sulla piattaforma di Sky un intero canale loro dedicato.
Si tratta di Babel (canale 141), con un palinsesto multiculturale destinato alle diverse etnie presenti in Italia, fra America Latina, Africa, Asia e Europa dell’Est: come recita la presentazione, il lunedì è dedicato all’America Latina, il martedì alla Romania, il mercoledì alle Filippine, il giovedì all’Albania, il venerdì all’Africa e il sabato all’Ucraina, mentre la domenica sarà riservata alle repliche del meglio della settimana.
Fa un po’ ridere vedere accostati in questo palinsesto alla stessa stregua interi continenti e singole nazioni, ma tant’è, nel clima culturale in cui viviamo per ora salutiamo con piacere la messa in onda di questo nuovo canale, che si presenta anche con una programmazione abbastanza varia, equamente divisa fra informazione e cultura.
L’informazione quotidiana è garantita dal Babzine, realizzato in collaborazione con Stranieri in Italia, che offre notizie sul nostro paese nelle diverse lingue e anche informazioni utili per vivere e lavorare meglio in Italia. Visti da vicino presenta invece approfondimenti su sport, musica, cultura e gastronomia, mentre Un parere per tutti propone aggiornamenti legali sulle questioni più dibattute. Inìfine, in prima serata, la programmazione di film, serie tv, show e documentari, tutti in lingua originale e sottotitoli in italiano: un aspetto importantissimo, che attirerà sicuramente anche molti "vecchi italiani".
Ma in fondo, nella società che cambia a vista d’ccchio, non siamo tutti noi dei "nuovi italiani"?
Ad inaugurare il canale, il docu-film Io, la mia famiglia Rom e Woody Allen della 21enne di origini Rom Laura Halilovic.

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

FESCAAAL 2019: Tezeta e le piccole zebre del MiWY

La grande novità di questa 29a edizione del Festival del Cinema Africano d’Asia e America Latina di Milano è la nascita di uno spin-off, un vero e (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha