title_news_large
martedì 14 giugno 2011

Memorie Migranti alla Casa del Cinema

Appuntamento giovedì 23 giugno con il secondo evento organizzato alla Casa del Cinema di Roma dall’Archivio Memorie Migranti di Asinitas, per mettere a fuoco, con strumenti e linguaggi diversi, il nuovo lessico della migrazione.
In programma alle 19 in Sala Deluxe il lancio della nuova collana di cd musicali Roma Forestiera realizzata dal Circolo Gianni Bosio e, alle 20.30 sempre nella Sala Deluxe, l’anteprima romana - in collaborazione con la 47a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema (Pesaro 19-27 giugno) - del film Qu’ils reposent en révolte (des figures de guerre I) del regista francese Sylvain George.
Saranno Giulio Cederna e Alessandro Triulzi ad introdurre la visione, per la prima volta a Roma, dello straordinario filmdocumentario Qu’ils reposent en révolte (des figures de guerre I), in concorso a Pesaro Nuovo Cinema - Premio Lino Miccichè, girato dal poeta, cineasta e attivista politico Sylvain George nell’arco di tre anni all’interno della cosiddetta “foresta” di Calais, una terra di frontiera, un limbo in cui risiedono forzatamente molti migranti che vorrebbero raggiungere le coste inglesi.
Spogliati di ogni diritto, trattati come criminali, ridotti allo stato di “puri corpi” o “nude vite”, uomini e donne, diventano mere figure di guerra. L’occhio di Sylvain George li segue con partecipazione e rabbia, registrando i loro gesti che cercano di essere normali e dignitosi, pur vivendo in una situazione degenerata.

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha