title_news_large
lunedì 20 giugno 2011

Tutti i Griot di Tarifa 2011

Si è chiusa la 8a edizione del Festival de cine africano de Tarifa (FCAT), diventata negli anni una delle realtà più interessanti nel panorama dei festival europei dedicati alle cinematografie africane. Il palmarès rispecchia i valori espressi nell’ultima stagione, segnalando una rinnovata vivacità da parte del giovane cinema egiziano. Il Griot per il Miglior film è andato infatti a Microphone di Ahmad Abdalla «per la sua energia e per aver fatto luce sulle potenzialità del nuovo Egitto e anche perché riflette il ruolo dell’arte nel cambiamento politico e sociale».

Il Griot per la miglior regia è andato invece al marocchino A jamaa/La mosquée di Daoud Aoulad-Syad. Menzione speciale per la coproduzione Egitto/Qatar Hawi di Ibrahim El-Batout. I premi per gli interpreti sono andati alla protagonista Denise Newman di Shirley Adams di Olivier Hermanus e a Youssef Djaoro per Un homme qui crie di Mahamat-Saleh Haroun. Per finire, il riconoscimento per il miglior lungometraggio documentario è andato al camerunese Koundi et le jeudi national di Ariani Astrid Atodji.

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha