title_news_large
mercoledì 25 gennaio 2012

"Benvenuti in Italia" in anteprima

Il 27 gennaio, in occasione del Giorno della Memoria, il Piccolo Apollo di Roma (via Conte Verde 51), alle 20.30, propone, in contemporanea ad altrettante location a Milano, Napoli, Venezia e Verona, l’anteprima italiana di Benvenuti in Italia, un film documentario a più mani, diretto da Aluk Amiri, Hamed Dera, Hevi Dilara, Zakaria Mohamed Ali e Dagmawi Yimer. Si tratta quindi di cinque cortometraggi scritti, girati e diretti da ragazze e ragazzi, immigrati in Italia, molti dei quali non avevano mai preso una telecamera in mano e hanno intrapreso un percorso di formazione.

Aluk Amiri, rifugiato afghano giunto in Italia all’età di quindici anni, racconta i tormenti del giovane Nasir, suo alter ego, nel giorno del suo diciottesimo compleanno in una casa famiglia di Venezia. Zakaria Mohamed Ali, costretto a lasciare Mogadiscio dopo l’omicidio del suo maestro di giornalismo e di altri colleghi, dà voce ai sogni di gloria di Dadir, campione di calcio affermato nel suo paese e oggi costretto a viaggiare senza biglietto da Milano a Roma per giocare con la ‘nazionale somala di Roma’. Hevi Dilara, rifugiata curda, racconta lo spaesamento di una giovane famiglia appena sbarcata in un centro di prima accoglienza di Ercolano. Il burkinabé Hamed Dera riprende l’attività e gli ospiti della pensione “chez Margherita”, punto di riferimento della comunità burkinabé a Napoli, prima della sua imminente chiusura. Il filmmaker e rifugiato etiope Dagmawi Yimer segue il mediatore culturale e attore senegalese Mohamed Ba mentre rievoca quando, in una bella giornata di sole, uno sconosciuto decide di accoltellarlo davanti alla fermata dell’autobus. Un mosaico di piccole storie accomunate dalla ricerca di uno sguardo interno sulla condizione migrante e, insieme, un ritratto composito dell’Italia e del suo sistema di accoglienza riflesso negli occhi di chi arriva.

Presentato dall’Archivio delle Memorie Migranti, in collaborazione con Asinitas, Circolo Gianni Bosio e con il sostegno di Lettera 27 e Open Society Foundations, con una videotestimonianza di Moni Ovadia, Benvenuti in Italia è un progetto di Giulio Cederna e Alessandro Triulzi, coordinato da Dagmawi Yimer e Federico Triulzi, che ha beneficiato anche di una serie di collaborazioni importanti, dal direttore della fotografia Renaud Personnaz, le montatrici Aline Hervé e Lizi Gelber, la cantante Saba Anglana, e la grafica Desislava Valentinova Stoichkova.
In occasione del lancio del film, Moni Ovadia, Alessandro Portelli e Alessandro Triulzi hanno diramato l’appello "Contro l’odio razziale: per una memoria della condizione migrante" (vedi) che non possiamo se non sottoscrivere pienamente.
Il documentario verrà riproposto domenica 19 febbraio (ore 17) al Cinema Trevi-Cineteca Nazionale, nell’ambito della rassegna “Nuovi Italiani”.
Per ulteriori info, vi rimandiamo al sito dell’Archivio delle Memorie Migranti.

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha