title_news_large
domenica 26 agosto 2012

Spike Lee torna alla sua Brooklyn

Brooklyn sembra tornare ad essere la musa ispiratrice del regista afroamericano Spike Lee: dopo Lola Darling e Fa’ la cosa giusta (entrambi girati nel quartiere di Bedford-Stuyvesant) e He Got Game (ambientato a Coney Island), con il suo nuovo film, Red Hook Summer, Lee rende omaggio ad una parte di Brooklyn che, con la sua vista su Manhattan e sulla Statua della Libertà, rimane curiosamente staccata non solo dalla città di New York, ma anche dal resto di Brooklyn. Nel film un ragazzino di 13 anni di Atlanta di nome Flik (Jules Brown) va a trovare il nonno, Bishop Enoch (Clarke Peters), durante un’estate che farà scoprire al giovane, un ragazzo viziato della media borghesia americana, non solo la povertà, il crimine e la dura realtà della vita, ma anche la saggezza duramente conquistata dei più anziani e i principi spirituali della chiesa.

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha