title_news_large
domenica 9 settembre 2012

In piazza per il cinema senegalese

Alla fine di agosto una dozzina di cineasti facenti parte del Collettivo dei cineasti senegalesi indignati (CCSI) sono scesi in piazza in un sit-in di protesta davanti al cinema Liberté di Dakar per reclamare lo sblocco del finanziamento di 3 miliardi di franchi CFA (4 milioni e mezzo di euro) concessi al settore cinematografico e stanziati sotto il regime dell’ex presidente Abdoulaye Wade. I cineasti indignati, coordinati dalla regista Mariama Sylla, reclamano altresì la ripresa del progetto di centro di produzione in programma al tecnopole di Dakar e più in generale la ripresa di una politica di promozione del settore cinematografico, che versa in gravi difficoltà produttive e distributive, basata su un coinvolgimento fattivo dei giovani cineasti, affinché siano messi in condizione di realizzare i loro progetti di film.

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha