title_news_large
lunedì 26 novembre 2012

JCC 24. Fuori i premi

Si sono spenti i riflettori sulla 24a sessione delle Journées Cinématographiques de Carthage, con la consegna degli ambiti Tanit. Il massimo riconoscimento (il Tanit d’oro per il miglior film) è andato al senegalese La Pirogue di Moussa Touré, sul dramma dell’immigrazione irregolare verso l’Europa, al quale è andato anche il premio del pubblico. Al marocchino Faouzi Bensaidi il Tanit d’Argento, per il thriller Mort à vendre. Il Tanit di bronzo è andato invece all’egiziano Coming forth by day di Hala Lotfy, interrotto e poi completato dopo la rivoluzione.

Il crepuscolare Tey del franco-senegalese Alain Gomis si è portato a casa il Premio speciale della giuria. Tra gli altri riconoscimenti, ha menzionare quello per la sceneggiatura, al tunisino Mahmoud Ben Mahmoud, per Le Professeur. I premi per le migliori attrici vanno a interpreti lusofone, vale a dire l’angolana Ciomara Morais, protagonista di Por aqui todo bem di Pocas Pascoal, e la mozambicana Iva Mugalela, non-protagonista di Virgem Margarida di Licinio Azevedo.

Il Tanit d’Or per il miglior documentario è andato a Président Ida del senegalese Ousmane William Mbaye. La FIPRESCI ha attribuito il suo riconoscimento infine a Les Chevaux de Dieu del franco-marocchino Nabil Ayouch.

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

JCC: due premi per Fatwa

Si è da poco conclusa la 29ma edizione delle Journées Cinématographiques de Carthage a Tunisi, il più importante festival di cinema dedicato alle (...)

Siamo con MEDITERRANEA

Mediterranea è una piattaforma di realtà della società civile arrivata nel Mediterraneo centrale dopo che le ONG, criminalizzate dalla retorica (...)

Atlantico Festival

Arriva al centro sociale TPO di Bologna - il 22 e 23 settembre - la prima edizione di ATLANTICO, un festival che intende esplorare e valorizzare (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha