title_news_large
martedì 27 novembre 2012

Africamix. Tutti sulla piroga di Touré

Si sono chiusi i battenti su Africamix, il 32° Festival di cinema africano di Verona. Dai verdetti della giuria ufficiale spicca una nuova affermazione per La Pirogue del senegalese Moussa Touré, una densa riflessione sul dramma dell’immigrazione irregolare tra i paesi costieri dell’Africa subsahariana occidentale e l’Europa, già apprezzata nel corso dell’ultimo Festival di Cannes, quando il film è stato presentato nella sezione Un Certain Regard, e a Tunisi, dove si è appena aggiudicato il Tanit d’oro. Secondo la giuria, La Pirogue «rinnova l’attenzione su una tematica sensibile dell’attualità attraverso un sapiente trattamento dello spazio espressivo capace di mantenere la forza del referente reale, quello della pirogue e del sogno di tanti migranti e al contempo di trasfigurarlo nella rappresentazione di una scena drammatica universale che diventa spazio d’incontro, di conoscenza e di superamento delle differenze per la ricerca di un futuro diverso. Gli attori non professionisti, danno vita a personaggi di grande intensità. Si auspica che il film possa trovare una distribuzione adeguata in Italia».

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

FESCAAAL 2019: il mondo a 360 gradi

Si terrà a Milano, dal 23 al 31 marzo, la 29a edizione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina – FESCAAAL, l’unico in Italia (...)

Francofilm 2019: il cinema cresce quando viaggia

Inizia domani la decima edizione di Francofilm - Festival del Film Francofono di Roma, che si svolgerà fino al 14 marzo presso l’Institut Français (...)

Fespaco 2019: la denuncia delle cineaste non allineate

A due giorni dalla fine del Fespaco ci è giunta la notizia di un’azione di denuncia e boicottaggio organizzata da due collettivi di donne cineaste: (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha