title_news_large
lunedì 14 gennaio 2013

Tunisia: prima e dopo la rivoluzione

Saranno trasmessi su TV5 Monde mercoledì 16 gennaio due documentari della regista tunisina Nadia El Fani, in cui il pubblico si intreccia con il privato.

Alle ore 22 viene presentato il documentario LAÏCITÉ, INCH’ALLAH ! (2011), che suscitò non poche polemiche alla sua uscita (e che doveva chiamarsi inizialmente Ni Allah, ni maître!.
Tunisia, agosto 2010. In pieno Ramadan, nonostante la censura, Nadia El Fani filma un paese che sembra aperto ai principi della libertà. Tre mesi più tardi, scoppia la rivoluzione. E mentre il mondo arabo affronta una fase di cambiamento radicale, i tunisini riflettono sull’opportunità di adottare una costituzione laica.

Alle ore 21, invece, è programmato il documentario che la regista ha realizzato l’anno dopo, durante la rivoluzione e le polemiche contro il suo documentario sulla laicità: si tratta di MÊME PAS MAL (2012), in cui Nadia El Fani porta avanti una doppia battaglia, contro gli islamisti e insieme contro il suo cancro. Un film per dire, citando Victor Hugo, che "vivono soltanto coloro che lottano".

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

JCC: due premi per Fatwa

Si è da poco conclusa la 29ma edizione delle Journées Cinématographiques de Carthage a Tunisi, il più importante festival di cinema dedicato alle (...)

Siamo con MEDITERRANEA

Mediterranea è una piattaforma di realtà della società civile arrivata nel Mediterraneo centrale dopo che le ONG, criminalizzate dalla retorica (...)

Atlantico Festival

Arriva al centro sociale TPO di Bologna - il 22 e 23 settembre - la prima edizione di ATLANTICO, un festival che intende esplorare e valorizzare (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha