title_news_large
giovedì 2 maggio 2013

Sembène restaurato a Cannes

Nella sezione Cannes Classics del Festival di Cannes verrà presentata l’edizione restaurata del cortometraggio Borom sarret (1963) di uno dei padri del cinema africano, il sengalese Ousmane Sembène.
Il film è stato restaurato sotto l’egida della World Cinema Foundation di Martin Scorsese e realizzato dalla Cineteca di Bologna e il suo laboratorio L’Immagine ritrovata in collaborazione con il francese Institut National de l’Audiovisuel.
A cinquant’anni di distanza sarà dunque possibile (ri)vedere il film che ha segnato simbolicamente e non solo gli inizi del cinema africano e il suo successo all’estero, come scrive lo storico Frank Ukadike: “Con la proiezione di Borom sarret si ebbe la sensazione di una vera produzione cinematografica africana. Al Festival Internazionale di Tours del 1963 il film passò alla storia come prima opera cinematografica africana vista da un pubblico pagante di spettatori di tutto il mondo”.

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha