title_news_large
lunedì 17 giugno 2013

Il caso Bekolo: un "presidente" invisibile

Ispirato alla figura dell’attuale presidente del Camerun, Paul Biya, uomo forte del Paese da oltre un trentennio, Le Président, ultimo film del regista camerunese Jean-Pierre Bekolo, continua ad essere oggetto di un ostracismo totale nel suo Paese da quando è stato presentato nel corso dell’ultimo FESPACO, all’Institut Goethe di Ouagadougou, nel febbraio 2013.

Il regista lamenta che, in mancanza di sale, Canal Plus Afrique, che pure ha cofinanziato il film, rifiuta per il momento di programmarlo mentre lo stesso Institut Français ha rifiutato di proiettarlo, col pretesto che il film non ha ancora il visto di censura, e ignorando che avrebbe potuto comunque programmarlo visto che il regista ha anche la cittadinanza francese.

Questo ennesimo attacco alla libertà di espressione va a infiammare un clima già teso, facendo seguito ad altri tristi episodi di violenza in Camerun che hanno visti vittima artisti come Richard Djimeli, giovane regista autore di un film satirico contro il regime, nei mesi scorsi arrestato e torturato, e il blogger e scrittore Enoh Meyomesse, detenuto per ragioni di opinione già dal novembre 2011.

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

FESCAAAL 2019: il mondo a 360 gradi

Si terrà a Milano, dal 23 al 31 marzo, la 29a edizione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina – FESCAAAL, l’unico in Italia (...)

Francofilm 2019: il cinema cresce quando viaggia

Inizia domani la decima edizione di Francofilm - Festival del Film Francofono di Roma, che si svolgerà fino al 14 marzo presso l’Institut Français (...)

Fespaco 2019: la denuncia delle cineaste non allineate

A due giorni dalla fine del Fespaco ci è giunta la notizia di un’azione di denuncia e boicottaggio organizzata da due collettivi di donne cineaste: (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha