title_news_large
mercoledì 10 luglio 2013

Al via il LampedusaInFestival

« Migrare: Le ragioni di una “scelta” » è il tema del concorso giunto alla sua quinta edizione e organizzato dall’associazione culturale Askavusa di Lampedusa, con il patrocinio del comune di Lampedusa e Linosa.

Oltre 80 I titoli presentati da artisti di varie nazionalità. Le opere finaliste, selezionate dal regista etiope Dagmawi Yimer e da Askavusa, saranno proiettate al pubblico dal 20 al 23 luglio e valutate da una giuria internazionale coordinata da Silvestro Montanaro e composta da Ubax Cristina Ali Farah, Mohamed Arafat, Emily Jacir e Filippo Pucillo.

Durante il festival saranno proiettati alcuni film fuori concorso che si caratterizzano per l’attinenza a temi sociali di forte impatto: • Omaggio a Silvestro Montanaro con la proiezione dei tre film documentari La mia famiglia; Vi ho tanto amato; Sankara e quel giorno uccisero la felicità. Sarà presente l’autore. • Rassegna “Lampedusa dagli anni 40 ai nostri giorni”, curata dall’Archivio storico di Lampedusa, sulla rappresentazione di Lampedusa attraverso documentari e servizi televisivi dagli anni ’40 ai giorni nostri. • Armageddon: cinquant’anni di guerra, dal Vietnam al Medioriente, dal ’68 ai No Tav, di Fulvio Grimaldi. • Questo vento, di Gilles Reckinger. • Once the sea was covered with water, di Lorenzo Sibiriu e Giacomo Orsini. • La primavera siamo noi e Cristina Mastrandrea intervista Amina Tayler, di Cristina Mastrandrea. • No MUOS film, di Enzo Rizzo.

Per tutto il periodo della manifestazione saranno allestite le mostre "Sostiene Sankara", a cura di Giuliano Kanjano, con i video di Silvestro Montanaro Sankara e Quel giorno uccisero la felicità; la collettiva "Lampedusa porta della vita", curata da Città vicine e Colors Revolution; Laboratori artistici e Interventi col colore, curata da Colors Revolution e Amnesty International con la partecipazione speciale dell’artista Lorenzo Terranera; e "Con gli oggetti dei migranti", a cura del Museo delle Migrazioni di Lampedusa e Linosa. L’incontro all’isola dei conigli con Ian Chambers e il Laboratorio Lampedusa, idee e progetti per narrare e ricordare le migrazioni mediterranee curato da AMM.

Il cartellone prevede anche diverse presentazioni di libri e incontri con gli autori come PAROLE FUORI LUOGO di Mohamed Ba e Lampedusa. Begegnungen am Rande Europas di Gilles Reckinger. Nonché l’inaugurazione delle prime attività del Museo delle Migrazioni di Lampedusa e Linosa con la residenza dell’artista palestinese Emily Jacir e la presentazione del primo inventario della collezione di reperti.

Per la prima volta l’opera che si distinguerà per la promozione dei diritti dei migranti riceverà un premio speciale da Amnesty International Italia. La web tv di Lampedusa Libera Espressione seguirà il festival con dirette e servizi.

Il festival è organizzato e curato dall’Associazione culturale Askavusa di Lampedusa insieme a Rete dei Comuni Solidali (ReCoSol), Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione (ASGI), AMM – Archivio delle memorie migranti. Con la collaborazione di BSA, InMigrazione, ARCI, Amnesty International.

Fonte: Archivio delle Memorie Migranti

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

FESCAAAL 2019: il mondo a 360 gradi

Si terrà a Milano, dal 23 al 31 marzo, la 29a edizione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina – FESCAAAL, l’unico in Italia (...)

Francofilm 2019: il cinema cresce quando viaggia

Inizia domani la decima edizione di Francofilm - Festival del Film Francofono di Roma, che si svolgerà fino al 14 marzo presso l’Institut Français (...)

Fespaco 2019: la denuncia delle cineaste non allineate

A due giorni dalla fine del Fespaco ci è giunta la notizia di un’azione di denuncia e boicottaggio organizzata da due collettivi di donne cineaste: (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha