title_news_large
venerdì 18 aprile 2014

Il governo egiziano contro film scandalo

Dopo avere suscitato un vespaio di polemiche da parte dei critici e dei media egiziani, il governo ad interim presieduto dal primo ministro Ibrahim Mahlab ha deciso di vietare la proiezione del film Halawet Rooh (La dolcezza dello spirito), che vede protagonista la famosa cantante e attrice libanese Haifa Wehbe. Il film del regista Sameh Abdel Aziz racconta la vita di Rooh, una donna sensuale con la passione per gli uomini del suo quartiere quando il marito è assente.

Dal 3 aprile il film è stato proiettato nelle sale egiziane con la menzione "solo per adulti", suscitando scandalo, indignazione ma anche curiosità. Tuttavia la decisione presa oggi dal governo che ha chiesto di bloccarne la proiezione chiedendo al comitato della censura di prendere una decisione in merito, non è piaciuta a molti.

Amr Salama, giovane regista egiziano, molto conosciuto nel paese, ha criticato sulla sua pagina Facebook la decisione di Mahlab affermando che «in questo modo si vietano i film solo in base ai gusti del primo ministro».

Fonte: Il Messaggero.it

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

FESCAAAL 2019: il mondo a 360 gradi

Si terrà a Milano, dal 23 al 31 marzo, la 29a edizione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina – FESCAAAL, l’unico in Italia (...)

Francofilm 2019: il cinema cresce quando viaggia

Inizia domani la decima edizione di Francofilm - Festival del Film Francofono di Roma, che si svolgerà fino al 14 marzo presso l’Institut Français (...)

Fespaco 2019: la denuncia delle cineaste non allineate

A due giorni dalla fine del Fespaco ci è giunta la notizia di un’azione di denuncia e boicottaggio organizzata da due collettivi di donne cineaste: (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha