title_news_large
martedì 22 aprile 2014

Juliet Esey Joseph in Song'e Napule

Da giovedì è in sala l’ultima fatica dei Manetti Bros, Song’e Napule. Autori di un cinema popolare, che dialoga con i generi di profondità e con i contesti territoriali, i Manetti hanno sempre dispiegato un profilo meticcio per le loro politiche di casting, dimostrando interesse per storie che chiamano in causa l’immigrazione e le paure nei rapporti con l’altro, provando a calarsi anche in storie che declinano il punto di vista interno, come nel televisivo Torino Boys (1997), ambientato nella comunità nigeriana in Italia.

Proprio in Torino Boys debuttava Juliet Esey Joseph, interprete nigeriana di Benin City, futura signora Manetti (côté Marco) e interprete pressoché fissa dei film della premiata coppia, da Il segreto del giaguaro (2000) a L’arrivo di Wang (2011). La troviamo quindi anche in Song’e Napule, nel ruolo della poliziotta Giulietta. Vi rimandiamo al trailer del film (qui).

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha