title_news_large
martedì 22 aprile 2014

An African City: una serie tv al femminile

Una nuova serie televisiva africana dal titolo An African City sta facendo parlare di sé. Ambientata ad Accra, in Ghana, è interpretata da cinque donne single, colte e benestanti. Donne imbevute di cultura occidentale e che, terminata l’università e gli studi all’estero, decidono di tornare nel loro continente di origine.
Ngozi , nigeriana, è laureata in commercio internazionale; Zainab, ghanese nata in Sierra Leone e cresciuta ad Atlanta , ha il senso degli affari e si ritiene una "donna d’affari " formidabile; Nana Yaa è tornata in Ghana dopo il diploma di giornalismo; Sade è laureata ad Harvard e, infine, Makena, ghanese con la famiglia in Columbia, si è laureata in giurisprudenza a Oxford ed è tornata dopo un doloroso divorzio.
La serie vuole dare un’immagine più positiva dell’Africa, creare un ponte tra influenze occidentali e africane, anche suggerendo che le grandi capitali come Accra siano in grado di competere con la vita delle megalopoli occidentali.
Certo un’immagine diversa da quella che in genere mostra l’Africa come un mix di guerre, carestie e miserie. Anche se ovviamente la serie si riferisce ad una certa classe sociale africana, ossia la classe media emergente, in grado di poter spendere. E questo può essere un punto a suo sfavore.
Ma del resto qual è la classe sociale che viene raccontata in serie americane di culto come Sex and the City?

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha