title_news_large
martedì 13 maggio 2014

Bateau ivre al Piccolo Apollo

BATEAU IVRE, il film di Chafik Allal e Claudio Capanna (Belgio/Italia/Algeria, 2012, 64’) sarà presentato giovedì 15 maggio alle ore 20.30 al Piccolo Apollo - Centro Aggregativo Apollo 11 di Roma (c/o Itis Galilei ingresso laterale di via Bixio 80/b angolo via Conte Verde).

Al termine della proiezione seguirà l’incontro con il regista CLAUDIO CAPANNA e con lo scrittore AMARA LAKHOUS.

Sinossi:
Un professore porta la propria classe in gita su un battello lungo il canale Bruxelles-Charleroi, in Belgio. Gli allievi sono per la maggior parte immigrati di origine africana. Alla classe era stato assegnato il compito di leggere il romanzo Cuore di tenebra di Joseph Conrad per poi discuterne quel giorno insieme. L’insegnante tenta di raccogliere impressioni e commenti tra i suoi studenti, anche attraverso delle provocazioni piuttosto esplicite. Sceglie di concentrarsi, in particolar modo, sul tema del colonialismo e sulle sue implicazioni nel rapporto tra la popolazione africana e quella europea. Le reazioni che otterrà saranno totalmente inaspettate e condurranno a momenti di conflittualità e tensione.

Biografia degli ospiti:

AMARA LAKHOUS
Si è laureato in filosofia all’Università di Algeri e in antropologia culturale all’Università La Sapienza di Roma. Ha lavorato sulla prima generazione dei musulmani arabi immigrati in Italia. Nel 1994 ha lavorato come giornalista della radio nazionale algerina. Dal 1995 lavora in Italia nel campo dell’immigrazione, svolgendo attività di mediatore culturale, interprete e traduttore. Ha lavorato dal 2003 al 2006 come giornalista professionista all’agenzia di stampa Adnkronos International a Roma. Nel 2006 con Scontro di civiltà per un ascensore a piazza Vittorio ha vinto il premio Flaiano e il premio Racalmare–Leonardo Sciascia e dal romanzo è stato tratto un film. Tra le sue opere ricordiamo anche: Come farti allattare dalla lupa senza che ti morda (Al-ikhtilaf, Algeri, 2003); Divorzio all’islamica a viale Marconi (Edizioni e/o, Roma, 2010); Un pirata piccolo piccolo (Edizioni e/o, Roma, 2011).

CLAUDIO CAPANNA
Claudio Capanna nasce a Roma nel 1980. Si laurea in cinema con una tesi sul regista tedesco Werner Herzog. Inizia a lavorare nel settore audiovisivo nel 1999 e realizza documentari e cortometraggi presentati a vari festival internazionali. Nel 2006 si sposta a Parigi e studia cinema documentario presso gli Ateliers Varan. Comincia, quindi, a lavorare per Arte France realizzando una serie di reportage sull’Italia. Attualmente vive a Bruxelles e lavora presso la televisione di stato belga (RTBF).

Ingresso riservato ai soci
(tessera mensile 7,00 € - sottoscrizione libera per ogni evento)

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha