title_news_large
giovedì 29 maggio 2014

Il Sony CineAlta Award a Carpignano

Nel corso della serata finale della Semaine de la Critique a Cannes, Jonas Carpignano è stato insignito del Sony CineAlta Discovery Award da una giuria internazionale, diretta dalla regista francese Rebecca Zlotowski, per il suo cortometraggio A ciambra, sulle vicende di un ragazzo rom che vive a Gioia Tauro.
Fabien Pisano, European Marketing Manager, si è congratulato con il vincitore: "Sony è felice di consegnare a Jonas Carpignano il premio Sony CineAlta Discovery. L’autenticità e il dinamismo della storia mi hanno commosso. La Semaine de la Critique è un’ottima opportunità per guardare pellicole caratterizzate da questo tipo di visione personale e sguardo fresco."

Jonas Carpignano, di madre eritrea e padre italiano, vive e lavora a New York e a Roma. I suoi cortometraggi sono stati presentati in prestigiosi festival internazionali fra cui Venezia, SXSW in Austin, e il New Directors/New Films in New York. A Chjana (2011), ha vinto il premio Controcampo per il miglior cortometraggio alla Mostra di Venezia e una menzione speciale ai Nastri D’Argento. Carpignano ha studiato alla scuola di cinema della New York University, al Sundance Screenwriters & Directors Lab ed è stato premiato con il Sundance/Mahindra Global Filmmaking Award. Nel 2012 è stato nominato come una delle 25 nuove promettenti facce del cinema indipendente dalla rivista americana Filmmaker Magazine.

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha