title_news_large
lunedì 2 giugno 2014

Nadia Kibout dal 5 giugno in sala

Il 5 giugno esce in sala Quando si muore... si muore! commedia nera diretta dal foggiano Carlo Fenizi, classe 1985, laureato in lettere e filosofia alla Sapienza di Roma, alla sua terza fatica dopo La luce dell’ombra (2009) ed Effetto paradosso (2012). Ci piace segnalare il film perché nel cast - insieme a nomi noti come Francesco Paolantoni, Giacomo Rizzo e Maurizio Mattioli - troviamo anche Nadia Kibout, interprete italiana di origini francesi (è nata a Saint-Etienne da genitori algerini) che dopo una formazione di primo livello (comprendente esperienze con Ariane Mnouchkine e figure importanti dell’Actors’ Studio) ha maturato esperienze significative sia a teatro (è stata Didone in un recente spettacolo di Matteo Tarasco) che nella fiction (La squadra) e sul grande schermo (Il mercante di stoffe), in Italia e oltralpe. Tuttavia, Quando si muore... si muore! rimane, in Italia, il suo primo ruolo brillante.

Questa la sinossi del film. È estate, Davide, Fabio e Cory partono per una tranquilla vacanza in barca diretti in Grecia, per accompagnare la loro amica greca Efi che deve sposarsi a Patmos. Il viaggio è un simpatico pretesto per fare un’ultima vacanza insieme prima del matrimonio. Non ancora in alto mare, si trovano costretti a caricare a bordo Giò, un misterioso naufrago che travolgerà il loro destino. Come se non bastasse, il motore della barca va in panne e i quattro ragazzi, con a bordo Giò, sono costretti a tornare sulla costa. Una volta sulla terra ferma, Giò li coinvolgerà in rocambolesche imprese per riottenere l’affidamento della figlia, tra equivoci di ogni genere, personaggi improbabili e sostanze stupefacenti, mentre la morte è in agguato e con essa inquietanti ritorni dall’aldilà…

Per ulteriori informazioni sul film, distribuito dalla Iervolino Entertainment, vi rimandiamo al sito ufficiale.

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

FESCAAAL 2019: Tezeta e le piccole zebre del MiWY

La grande novità di questa 29a edizione del Festival del Cinema Africano d’Asia e America Latina di Milano è la nascita di uno spin-off, un vero e (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha