title_news_large
giovedì 3 luglio 2014

Addio a Andrée Davanture

Il 1 luglio 2014 a Parigi è morta Andrée Davanture. Il cinema africano, e non solo, piange la perdita della montatrice francese.
La Davanture ha da sempre lavorato con registi africani, sin dalle prime co-produzioni dopo l’indipendenza, ed ha sempre continuato; ha sempre sostenuto il cinema africano sia con l’associazione Atria, sia con la casa di produzione Atriascop.
Andrée Davanture ha montato tutti i lungometraggi di Souleymane Cissé, ma ha partecipato alla lavorazione di molti altri film, Wend Kuuni (1982) e Zan Boko (1988) di Gaston Kaboré (1982), Puk Nini (1995) e La Nuit de la vérité (2004) di Fanta Régina Nacro, Un été à la Goulette di Férid Boughédir (1995), Roma wa la N’touma (2007) di Tariq Teguia, solo per citarne alcuni.
Nel 2005 al Fespaco le hanno reso omaggio con un premio al montaggio in occasione della presenza al festival di quattro film montanti dalla Davanture.

[Alice Casalini]

fine_sezione
title_magazine_interno

FESCAAAL 2019: il mondo a 360 gradi

Si terrà a Milano, dal 23 al 31 marzo, la 29a edizione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina – FESCAAAL, l’unico in Italia (...)

Francofilm 2019: il cinema cresce quando viaggia

Inizia domani la decima edizione di Francofilm - Festival del Film Francofono di Roma, che si svolgerà fino al 14 marzo presso l’Institut Français (...)

Fespaco 2019: la denuncia delle cineaste non allineate

A due giorni dalla fine del Fespaco ci è giunta la notizia di un’azione di denuncia e boicottaggio organizzata da due collettivi di donne cineaste: (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha