title_news_large
domenica 23 novembre 2014

L'Africa non pervenuta al Torino FilmFest

Dal 21 novembre è in corso la 32ma edizione del Torino Film Festival, diretta da Emanuela Martini. Proiezioni, incontri ed eventi si susseguiranno fino al 29. Il cambio di gestione - ma Paolo Virzì rimane "guest director - non ha aperto spiragli significativi all’Africa e alle sue diaspore, né dietro né davanti alla cinepresa, né nella stanza dei giurati.

Poco o nulla da segnalare allora. Ci preme sottolineare nella competizione documentari Branco sai preto fica (Fuori i bianchi, dentro i neri), presentato come un interessante esperimento di cinema del reale con innesti di fantascienza distopica: il contesto è quello di un Brasile violento in cui la polizia infierisce con violenza in una festa da ballo frequentata da soli neri, producendo gravi lesioni a due uomini. La regia è dell’ex-calciatore Adirley Queirós.

Nella sezione corti, spazio a un giovane filmmaker torinese d’adozione e di origini costaricane, Guido Nicolás Zingari, che gira in un villaggio dell’entroterra togolese Il mare una storia di piccola speranza nel futuro che passa per la scuola, protagonista un giovane di ventiquattro anni che si misura con l’esame di terza media.

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

FESCAAAL 2019: Tezeta e le piccole zebre del MiWY

La grande novità di questa 29a edizione del Festival del Cinema Africano d’Asia e America Latina di Milano è la nascita di uno spin-off, un vero e (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha