title_news_large
domenica 1 febbraio 2015

Sul libro d'oro del Sundance

Chiusa l’edizione del trentennale con la consegna dei premi, che in qualche caso hanno toccato anche film di registi afrodiasporici o comunque con tematiche di interesse per noi. Dope di Rick Famuyiwa, presentato in concorso nella sezione principe e che promette di far bene al box office, ha avuto un Premio Speciale della Giuria nella sua sezione (U.S. Dramatic) per il montaggio, firmato da Lee Haugen.

Com’era lecito attendersi, il documentario 3 1/4 minutes di Marc Silver, che ricostruisce il fatto di cronaca di un omicidio a sfondo razziale per futili motivi, non ha mancato di colpire la giuria della sezione U.S. Documentary, che gli ha tributato uno Special Jury Award per l’Impatto Sociale.

Molto apprezzato anche il ritratto di una donna coraggio che fa assistenza di strada alle prostitute di Chicago, in Dreamcatcher, opera della documentarista inglese Kim Longinotto. Il film è stato premiato per la regia.

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha