title_news_large
venerdì 20 febbraio 2015

Accordo cinematografico Roma-Rabat

È stato siglato ieri a Rabat l’accordo tra Regione Lazio, Roma Lazio Film Commission e il Ministero della Comunicazione del Marocco dal quale dipende l’ISMAC, Istituto Superiore dei Mestieri dell’Audiovisivo e del Cinema di Rabat.
Hanno partecipato Mohammed Khalfi il ministro della Comunicazione del Marocco, Fabrizio Lella direzione regionale Formazione e Ricerca, Luciano Sovena presidente di Roma Lazio Film Commission, Sarim Fassi Fihri direttore del CCM Centre Cinématographique Marocain e Abdel Kahbir Berkia presidente della Regione di Rabat Sale.
L’accordo prevede la collaborazione tra Regione Lazio e ISMAC per la formazione nel settore cinema e audiovisivo: gli studenti vincitori del bando del progetto "Torno subito", realizzato in collaborazione con Ass.For.SEO, verranno inseriti all’interno del campus universitario ISMAC per corsi di studio dedicati alle tecniche di postproduzione e ripresa cinematografica e audiovisiva.
La formazione, finalizzata all’inserimento in aziende d’eccellenza del settore, prevede per gli studenti di "Torno subito" l’esperienza sui set marocchini di importanti produzioni USA (si pensi ad American Sniper, girato da Clint Eastwood a Rabat).
A breve la Regione Lazio pubblicherà i bandi per la selezione dei partecipanti dei corsi di cinema e audiovisivo di Rabat, con durata variabile dai 2 ai 6 mesi, secondo il percorso formativo.
Fonte: Cinecittà News

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha