title_news_large
domenica 17 gennaio 2016

#OscarsSoWhite, si replica

Annunciate le nomination agli Oscar e già infuriano le polemiche sulle scelte dell’Academy, che ancora una volta ha discriminato i cineasti e le cineaste afroamericane, tanto che l’hashtag #OscarsSoWhite, lanciato lo scorso anno in polemica contro la mancata nomination a miglior regista e miglior attore per Selma di Ava Du Vernay, è tornato ad impazzare sulla rete.

Tra i venti nominati nelle categorie riservate agli attori infatti non è presente nemmeno un afroamericano, nonostante in odore di nomination ci fossero sia Will Smith per The Concussion e Idris Elba, per Beasts of No Nation. Anche per Straight out of Compton di F. Gary Gray, l’unica nomination è andata alla sceneggiatura, scritta da Jonathan Herman e Andrea Berloff, entrambi caucasici. Polemiche anche per l’assenza di almeno una donna nella categoria riservata ai migliori registi.

Per ovviare a queste polemiche, l’attuale presidentessa nera dell’Academy, Cheryl Boone Isaacs, ha annunciato un piano quinquennale per spingere gli studios a considerare maggiormente le varie minoranze. Da quando esistono gli Oscar, ottantotto anni, quattro volte il premio di migliore attore è andato a un afroamericano: Sidney Poitier, Morgan Freeman, Denzel Washington e Forest Whitaker. Uno solo invece è andato a una donna, Halle Berry. Quattro vittorie afroamericane anche per gli attori non protagonisti, con Louis Gosset, Denzel Washington, Cuba Gooding Jr, e Morgan Freeman. Più numerose le statuette per le attrici non protagoniste, a Hattie McDaniel, Whoopi Goldberg, Jennifer Hudson, Mo’Nique, Octavia Spencer e Lupita Nyong’o, molte delle quali arrivate però solo nell’ultimo decennio. Mai nessun regista black, invece, ha vinto l’Oscar, se non Steve McQueen, ma solo in qualità di produttore, per 12 anni schiavo, e se si esclude anche l’Oscar onorario tributato di recente a Spike Lee.

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha