title_news_large
giovedì 17 marzo 2016

Il Belgio di Nabil Ben Yadir

Torna a girare in Belgio il regista bruxellese di origini marocchine Nabil Ben Yadir, dopo l’avventura di La Marche, una grossa produzione francese guidata da Jamel Debbouze, che raccontava la Marcia dei Beurs che agitò la Francia nel 1983/84. E dopo il grande successo, sette anni fa, di Les Barons, una commedia sociale che aveva come protagonista la comunità maghrebina di Bruxelles.
Dode Hoek - questo il titolo del nuovo film - segna un chiaro cambiamento di registro: il film si annuncia come un thriller che mette in scena il personaggio di Jan Verbeek, ex commissario di polizia di Anversa divenuto esponente di spicco di un partito politico populista. La sua ascesa basata su discorsi radicali lo colloca nel cuore del sistema politico e finanziario, su cui regna fino al giorno in cui non riemerge il suo passato.
Nel cast troviamo Peter Van den Begin ( Waste Land ), Jan Decleir (Les Barons), Soufiane Chilah (Black) e David Murgia (Dio esiste e vive a Bruxelles.
Fonte: Cineuropa

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

FESCAAAL 2019: il mondo a 360 gradi

Si terrà a Milano, dal 23 al 31 marzo, la 29a edizione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina – FESCAAAL, l’unico in Italia (...)

Francofilm 2019: il cinema cresce quando viaggia

Inizia domani la decima edizione di Francofilm - Festival del Film Francofono di Roma, che si svolgerà fino al 14 marzo presso l’Institut Français (...)

Fespaco 2019: la denuncia delle cineaste non allineate

A due giorni dalla fine del Fespaco ci è giunta la notizia di un’azione di denuncia e boicottaggio organizzata da due collettivi di donne cineaste: (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha