title_news_large
giovedì 14 aprile 2016

Cannes 69: il ritorno di Haroun

Tra le anticipazioni dell’edizione numero 69 del Festival di Cannes, presentata oggi, segnaliamo con molto piacere il grande ritorno, selezionato fra le proiezioni speciali, del talentuoso regista ciadiano Mahamat-Saleh Haroun, il cui ultimo film, Grigris, è del 2013.
Unico cineasta dell’Africa subsahariana ad essere premiato a Cannes negli anni 2000 (Premio della Giuria nel 2010 per Un homme qui crie), Haroun è uno dei pochi, con Abderrahmane Sissako, ad essere stato selezionato anche nel concorso ufficiale della Croisette, in lizza per la Palma d’Oro.
Il nuovo film, Hissein Habré, une tragédie tchadienne, prodotto da Arte, è centrato su una serie di testimonianze, per lo più inedite, di vittime di torture e altre violenze, subite durante il regime dell’ex presidente del Ciad, Hissein Habré, processato lo scorso mese di luglio.

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha