title_news_large
venerdì 5 agosto 2016

Morto in Egitto Mohamed Khan

Qualche giorno fa è giunta la notizia della morte del regista egiziano Mohamed Khan, uno dei maestri della cinematografia del suo Paese e dell’intero Mediterraneo.
Tra i maggiori e più influenti registi egiziani dagli anni Ottanta ad oggi, Mohamed Khan (era nato il 26 ottobre 1942 da madre egiziana e padre pakistano) aveva studiato alla London International Film School. Tra i suoi lavori più importanti figurano El Harrif (1983), Zawgat Ragol Mohem (1988), Ahlam Hind we Kamilia (1988), Fares Al-Madina (1991), Ayam El-Sadat (2001) e Fi Shaket Masr El Gedeeda (2007).
Nei suoi film ha affrontato a viso aperto le problematiche e le divisioni sociali dell’Egitto, mettendo spesso al centro della scena personaggi femminili forti, donne affascinanti e magnetiche che si ribellano alle costrizioni e lottano per ciò che è davvero importante: libertà, indipendenza, amore.
Nel 2013 il Dubai International Film Festival ha inserito tre suoi titoli (Zawgat Ragol Mohem, Ahlam Hind we Kamilia e El Harrif) nella lista dei 100 film arabi più importanti di tutti i tempi.
Fataat El-Masnaa (Factory Girl) è stato presentato in anteprima italiana al MedFilm Festival (dove ha vinto il Premio Speciale della Giuria) e ha trionfato a Dubai ottenendo il Premio FIPRESCI.
Il suo ultimo film è stato Qabl Zahmet El-Saif (Before the Summer Crowds), presentato in Concorso a Dubai nel 2015: un racconto satirico dell’Egitto post Rivoluzione attraverso la storia di quattro vicini che esplorano il mondo complicato delle relazioni in una località balneare sulla costa settentrionale del Paese.
Fonte: ANSAmed

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

FESCAAAL 2019: il mondo a 360 gradi

Si terrà a Milano, dal 23 al 31 marzo, la 29a edizione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina – FESCAAAL, l’unico in Italia (...)

Francofilm 2019: il cinema cresce quando viaggia

Inizia domani la decima edizione di Francofilm - Festival del Film Francofono di Roma, che si svolgerà fino al 14 marzo presso l’Institut Français (...)

Fespaco 2019: la denuncia delle cineaste non allineate

A due giorni dalla fine del Fespaco ci è giunta la notizia di un’azione di denuncia e boicottaggio organizzata da due collettivi di donne cineaste: (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha