title_news_large
martedì 27 settembre 2016

Fuocoammare candidato agli Oscar

Il candidato italiano all’Oscar straniero scelto dalla commissione di selezione tra soli sette film iscritti è Fuocoammare, il film documentario di Gianfranco Rosi sulla vita dei lampedusani sullo sfondo della tragedia degli sbarchi di migranti.
Il film, che ha già vinto l’Orso d’Oro al Festival di Berlino, ha una grande notorietà internazionale, a cominciare da Bruxelles, dove è stato presentato al Parlamento europeo e alla fine saranno 70 i paesi in cui uscirà nelle sale.
I produttori del film lo hanno iscritto anche nella selezione agli Oscar per il miglior documentario. Se entrerà nella cinquina dei migliori film in lingua non inglese e/o in quella dei documentari è tutto da vedere (si saprà il 24 gennaio) ma intanto la scelta è stata fatta.

La notizia della candidatura ha colto il regista a Parigi, dove sta accompagnando il film all’uscita in sala, con recensioni entusiaste. ’’Questa candidatura - comprende bene l’autore che a Venezia aveva vinto il Leone d’Oro con Sacro G.R.A. - va oltre il mio film. In questi 8 mesi il film è stato distribuito in più di 60 paesi. E mi sembra sia diventato un film di tutti. In un mondo in cui si continuano a erigere muri e barriere spero che questo film possa seguire le parole di Obama: chi costruisce dei muri costruisce una prigione per sé stesso’’, dice Rosi. Che ricorda l’endorsement della diva Meryl Streep che a Berlino gli disse: ’Vorrei che il tuo film arrivasse agli Oscar’.

Fonte: Ansa.it

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha