title_news_large
lunedì 13 febbraio 2017

La Tunisia nel programma MEDIA

Lo scorso 20 gennaio, la Tunisia si è aggiunta alla lista dei paesi non membri dell’Unione europea ammessi a partecipare al programma MEDIA - Europa Creativa.
La notizia arriva dopo la comunicazione congiunta sul rafforzamento del sostegno dell’Ue alla Tunisia a partire da settembre, e rafforza le linee guida di cooperazione elaborate lo scorso dicembre tra i presidenti dell’Unione europea Donald Tusk, Jean-Claude Juncker e Martin Schulz, e il presidente tunisino Beji Caid Essebsi, attraverso un comunicato stampa in cui concordano nel lodare "il desiderio della Tunisia di partecipare al programma Europa Creativa, che offre un’ulteriore opportunità per promuovere il dialogo tra le nostre società e che permetterà agli operatori culturali tunisini di essere coinvolti nel più breve tempo possibile".
Fino a quando l’accordo di Europa Creativa non sarà firmato nell’estate 2017, la Tunisia non potrà prendere pienamente parte ai sottoprogrammi di Europa Creativa e MEDIA, ma potrà partecipare ai bandi "piattaforme culturali", "festival cinematografici" e "traduzione letteraria".
La piena partecipazione del paese mediterraneo al programma Europa Creativa includerà formazione, festival, educazione cinematografica e attività di accesso al mercato. E’ previsto anche un supporto ai progetti internazionali, grazie a un Centro di informazione, formazione e assistenza per programmi europei che il paese ospiterà.

Fonte: Cineuropa

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha