title_news_large
martedì 28 marzo 2017

Oggetti Migranti: la rassegna al MLAC

Dopo l’inaugurazione della mostra "OGGETTI MIGRANTI. Dalla Traccia alla voce" (22 marzo), prosegue il programma di appuntamenti presso il MLAC - Museo Laboratorio di Arte Contemporanea con la rassegna cinematografica IL CINEMA COME TRACCIA DELLA MEMORIA a cura di AMM - Archivio delle memorie migranti, che si svolgerà domani, mercoledì 29 marzo.

Introducono Gianluca Gatta, antropologo e segretario di AMM e Andrea Minuz, docente di Storia del cinema, Sapienza Università di Roma.
Saranno presenti i registi Zakaria Mohamed Ali, Morteza Khaleghi e Al Mamun Abdullah.

Questi i film in programma:

Asmat – Nomi
di Dagmawi Yimer - 2015 (17’)

Chata – Ombrello
di Morteza Khaleghi – 2017 (7’)

Acqua che va non torna
di Al Mamun Abdullah – 2014 (5’ 25’’)

Il deserto e il mare (estratto)
di Dagmawi Yimer, Sintayehu Eshetu, Solomon Moges, Menghistu Andechal, Adam Awad - 2007 (20’)

Soltanto il mare
di Dagmawi Yimer, Giulio Cederna, Fabrizio Barraco - 2011 (49’)

Il progetto "OGGETTI MIGRANTI. Dalla Traccia alla voce" è incentrato sul tema della testimonianza delle migrazioni nel Mediterraneo. L’iniziativa vuole ricordare l’ultimo intervento di Giuseppe Basile, rivolto alla realizzazione di un Museo delle Migrazioni a Lampedusa. La mostra presenta il primo nucleo della collezione restaurata degli oggetti appartenuti ai migranti e ritrovati sull’isola.

Attorno all’esposizione centrale si articola un programma di appuntamenti dedicati al cinema, all’arte contemporanea, alla narrazione e all’approfondimento che aprono la collezione degli oggetti migranti a letture plurali e ne fanno un luogo di attraversamento e di dialogo. Attraverso prospettive diverse e un approccio interdisciplinare, la mostra si pone l’obiettivo di illuminare la storia individuale che ogni oggetto porta con sé, per individuare la voce che si cela dietro la traccia e far emergere il suo valore rispetto alla storia collettiva.

La mostra, a cura di Barbara D’Ambrosio e Costanza Meli, con la collaborazione di AMM - Archivio delle memorie migranti, è stata inaugurata mercoledì 22 marzo, con la proiezione del film To whom it may concern del regista Zakaria Mohamed Ali.

Seguiranno la rassegna cinematografica "Il cinema come traccia di memoria" (29 marzo), due laboratori di autonarrazione a cura dell’AMM (1 e 3 aprile), la tavola rotonda "Un patrimonio migrante. Studio, conservazione e tutela di una memoria viva e attuale" (10 aprile).

LA RASSEGNA:
mercoledì 29 marzo 16:00-19:00

MLAC - Museo Laboratorio di Arte Contemporanea
P.le Aldo Moro 5 (retro del rettorato)

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

FESCAAAL 2019: il mondo a 360 gradi

Si terrà a Milano, dal 23 al 31 marzo, la 29a edizione del Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina – FESCAAAL, l’unico in Italia (...)

Francofilm 2019: il cinema cresce quando viaggia

Inizia domani la decima edizione di Francofilm - Festival del Film Francofono di Roma, che si svolgerà fino al 14 marzo presso l’Institut Français (...)

Fespaco 2019: la denuncia delle cineaste non allineate

A due giorni dalla fine del Fespaco ci è giunta la notizia di un’azione di denuncia e boicottaggio organizzata da due collettivi di donne cineaste: (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha