title_news_large
lunedì 10 aprile 2017

Cinemafrodiscendente a Bari

Mercoledì 12 aprile presenteremo a Bari il blog/archivio digitale Cinemafrodiscendente - Filmakers of African Descent in Italy (Cinemafrodiscendente.com) nell’ambito della tre giorni “Reale, virtuale e immaginario. Archivi culturali audiovisivi al tempo della mobilità”, organizzata dal Centro Studi e Ricerche di Apulia Film Commission e il Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione (ForPsiCom) – dell’Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari in collaborazione con il gruppo di ricerca “S/murare il Mediterraneo” e il progetto Future in Research.

L’obiettivo dei tre giorni è di favorire l’incontro tra ricerca accademica, formazione universitaria e saperi e professioni legati alla filiera dell’audiovisivo. Le tre giornate della rassegna saranno dedicate ai seguenti temi: archivi culturali e multimediali, archivi trans-mediterranei, nuove professionalità della pre- e post- produzione degli audiovisivi, traduzione e accessibilità.

La prima giornata, che si terrà mercoledì 12 al Cineporto di Bari a partire dalle 9, è incentrata sugli “Archivi transmediterranei”. Filippo Silvestri (Università Aldo Moro di Bari) affronterà il tema “Sul problema del viaggio tra nomadismo migratorio e logiche internautiche”, mentre Maria Coletti (Cineteca nazionale) su “Progettare, creare, gestire, implementare un archivio cinematografico. Il caso “Cinema afrodiscendente. Filmakers of African Discent in Italian Cinema”. Il secondo intervento sarà impreziosito dalla partecipazione di due artisti: il regista Dagmawi Ymer e il musicista-attore Badara Seck, che offriranno attraverso contributi audiovisivi un ulteriore sguardo transculturale tra immagini, transmedialità, voce e performance.

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

A Ciambra

Nello stesso giorno in cui la diva Rihanna accendeva i riflettori del red carpet, Jonas Carpignano, che ha una mamma barbadiana e sull’icona di (...)

L’ordine delle cose

«C’è qualcosa in questa fine dell’estate non so bene che cos’è / E non riesco a respirare», cantano i Baustelle ne Il Vangelo di Giovanni, ad apertura (...)

Venezia 74: Mektoub My Love: Canto Uno

La luce calda delle spiagge mediterranee, i pomeriggi pigri e voluttuosi di un paesino marittimo, giovani corpi desideranti, uno sguardo curioso (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha