title_news_large
giovedì 12 aprile 2018

Cannes 71: Abu Bakr Shawky in concorso

In concorso al Festival di Cannes anche un film africano: Yomeddine, opera prima dell’egiziano Abu Bakr Shawky.
Il film è una commedia on the road di formazione e segue le tracce di due uomini, Beshay e Obama: un lebbroso copto e il suo apprendista orfano, che lasciano per la prima volta i confini del lebbrosario e intraprendono un viaggio attraverso l’Egitto per cercare ciò che resta delle loro famiglie e scoprire perché i genitori li hanno abbandonati.
Shawky in Yomeddine sviluppa la sua storia prendendo spunto dal suo cortometraggio documentario The Colony, che raccontava alcune storie dei residenti della colonia di lebbrosi di Abu Zaabal in Egitto.
Il protagonista è interpretato da Rady Gamal, un attore non professionista che soffre di lebbra ed è un residente della colonia di lebbrosi.

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha