title_news_large
sabato 6 settembre 2008

Venezia 65: il Palmarès ha un tocco d’Africa

Sono stati appena annunciati, nel corso della serata di chiusura in Sala Grande, i premi ufficiali dell’edizione 2008 della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.
Tra i premiati, anche l’etiope Haile Gerima, che - tra i favoriti in lizza per il Leone d’Oro - ha ricevuto un doppio riconoscimento, il Premio Speciale della Giuria e l’Osella per la miglior sceneggiatura per il suo Teza: la storia di uno studente etiope che rientra negli anni ’90 dalla Germania pieno di entusiasmo e voglia di mettere a frutto quanto appreso scontrandosi con i fantasmi del passato e con le contraddizioni del regime di Mengistu. Un progetto che, seppure sostenuto dalla Pandora Film di Karl Baumgartner, è stato fermo diversi anni per ragioni produttive.
Gerima, molto commosso, ha tenuto a prendere la parola, ringraziando il produttore, il suo direttore della fotografia, l’italiano Mario Masini, e tutta la sua famiglia, in qualche modo parte del proprio lavoro. «Ringrazio la giuria per aver premiato un film come il mio, che non viene da nessuna parte, e, last but not least, i miei produttori, perché un uomo come me non ha banche e grandi sistemi economici a sostenerlo. Un ringraziamento particolare dunque a chi 14 anni fa mi ha dato il denaro che mi è servito come seme per far crescere questo film» - ha dichiarato il regista, terminando con un ringraziamento speciale a Marco Müller «per avermi permesso di attraversare barriere che ancora non sono in grado di superare».
Da segnalare anche la Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile alla francese Dominique Blanc per L’Autre di Patrick Mario Bernard e Pierre Trividic, in cui l’attrice interpreta il ruolo di una donna ossessionata dalla nuova compagna del suo ex fidanzato, interpretato dal nero Cyril Gueï, al suo primo ruolo da protagonista dopo diverse esperienze di teatro e piccole apparizioni.

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha