title_news_large
mercoledì 1 ottobre 2008

Haïti chérie in sala

Vincitore del Premio Giuria dei Giovani del 60° Festival di Locarno e già uscito in Francia a maggio, Haïti Chérie (2007) dal 26 settembre è finalmente approdato in sala anche da noi. Si comincia con il cinema Fratelli Marx di Torino (Corso Belgio, 53), per poi uscire in altre città nelle prossime settimane.

Diretto da Claudio Del Punta e prodotto da Esperia Film in collaborazione con Arethusa Film, Haïti Chérie ci apre uno squarcio sull’inferno delle bateyes, baraccopoli costruite ai margini delle piantagioni di canna da zucchero nella Repubblica Dominicana, e ritrae i tagliatori di canna costretti a viverci in condizioni pietose. Ingaggiati in nero, senza alcuna protezione sociale, vengono parcheggiati in ghetti dove non c’è acqua corrente né elettricità, e passano più di quattordici ore al giorno nei campi per una paga miserabile. Jean-Baptiste e Magdaleine sono sposati e lavorano in una di queste piantagioni, ma quando il loro bambino appena nato muore di fame prendono seriamente in considerazione l’idea di tornare ad Haiti, nonostante le loro rispettive famiglie siano state massacrate dalle milizie.

Il film è realizzato con attori non professionisti, la maggior parte del cast infatti è formato dai braccianti che lavorano e vivono nelle piantagioni dominicane. I protagonisti principali sono Yeraini Cuevas, studentessa sedicenne che nel film interpreta Magdaleine e Valentin Valdez, ventunenne ed ex tagliatore di canna da zucchero, nel ruolo di suo marito, Jean Baptiste. Ambientato nella Repubblica di Santo Domingo, le riprese sono durate circa quattro mesi e sono state interrotte più volte dalle guardie dei latifondisti, quando Del Punta è andato a girare nei batey. Il titolo del film deriva da una canzone di Toto Bissainthe, celebre attrice e cantante haitiana (1934-94), che con la sua voce ha fatto conoscere le atmosfere e la cultura della sua isola al mondo intero, e le cui melodie costituiscono anche la colonna sonora del film.

Oltre a Locarno, dove nel 2007 è stato l’unico film italiano in concorso, Haïti Chérie ha partecipato a diversi festival internazionali: Valladolid, Rio de Janeiro, il Cairo, Montreal e Mons (Belgio) dove ha ottenuto il Premio per la Miglior Sceneggiatura. Haiti Chérie viene distribuito da Esperia Film e Slow Cinema. Per info ulteriori, vi rimandiamo al sito francese del film.

[Leonardo De Franceschi]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha