title_news_large
lunedì 6 ottobre 2008

Ottobre 01: tre DVD da non perdere

La 01 Distribution presenta un listino homevideo di ottobre quanto mai interessante. In particolare, segnaliamo l’uscita, il prossimo 22 ottobre, di tre DVD da non perdere.
Innanzitutto il film Riparo di Marco Simon Puccioni, definito dalla critica un giallo dei sentimenti che tocca i nervi scoperti di una società cosmopolita. Presentato in anteprima mondiale al Festival di Berlino, il film è stato selezionato ai principali festival internazionali ed ha vinto il Grand Prix al Festival del cinema italiano di Annecy. Una coppia di donne e un giovane immigrato maghrebino: Riparo è un coinvolgente dramma sulla gelosia e le classi sociali che offre una chiave inedita e interessante sul tema dello straniero che entra in una unità familiare e la espone alle sue contraddizioni.
In uscita, sempre il 22 ottobre, anche due DVD di documentari. Il primo, Baba Mandela - Speak Africa, raccoglie due titoli che raccontano le emergenze sociali africane, firmati da due registi italiani: Baba Mandela di Riccardo Milani racconta l’Africa attraverso gli occhi di un bambino di strada, il piccolo Kevin, in un viaggio on the road alla scoperta del suo Paese e delle emergenze sanitarie e ambientali che lo minacciano, attraverso la baraccopoli di Nairobi, il monte Kenia e il lago Vittoria. Il secondo documentario, Speak Africa!, realizzato da Paolo Novelli, racconta i bisogni, le richieste, le speranze di un continente, narrate dalle comunità più povere e ignorate del pianeta: una panoramica veloce, dal ritmo incalzante, del circolo vizioso che lega salute, povertà, e degrado ambientale. A parlare sono solo gli abitanti delle zone più emarginate di Kenia e Tanzania, che il regista Paolo Novelli incontra durante il viaggio, fortemente voluto da AMREF e da Legambiente per testimoniare come in Africa non ci sia lotta alla povertà senza difesa dell’ambiente, e viceversa. Diviso in cinque capitoli di dieci minuti, i contorni del racconto sono tracciati da un truckdriver, uno tra i migliaia di camionisti africani che percorrono ogni giorno la Mombasa Road.
Infine, TV Slum di Angelo Loy, un documentario realizzato dal regista di Pinocchio nero insieme ad un gruppo di ragazzi di strada dei sobborghi di Nairobi, che hanno girato il materiale divisi in quattro mini troupe di due persone. Nelle mani dei ragazzi la macchina da presa non è solo uno strumento di conoscenza e di denuncia, ma diventa un’occasione originale di riscatto. Il regista Angelo Loy ha così passato diverse settimane con il gruppo a cui ha mostrato diversi film e insegnato le basi del linguaggio visivo. In una seconda fase sono iniziate le esercitazioni pratiche con delle videocamere Sony digital 8 con cui i ragazzi hanno ripreso il loro contesto di vita.

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha