title_news_large
lunedì 20 ottobre 2008

Agadir Bombay: Marocco stile Bollywood

La giovane regista franco-marocchina Myriam Bakir - nata 34 anni fa a Parigi da padre marocchino - ha da poco iniziato le riprese della sua opera prima, dopo aver realizzato dal 1996 al 2002 quattro cortometraggi in Francia e in Marocco. Dopo tre anni passati in un “laborioso ritiro” tra Parigi e Taroudant, la città natale di suo padre, da questa immersione nel Marocco profondo ha tratto ispirazione per la sceneggiatura del suo primo lungometraggio, Agadir Bombay: tra sogno e realtà, 24 ore nella vita di una ragazzina di Taroudant, di nome Imane, appassionata di film indiani e di pasticceria e in piena crisi adolescenziale, affascinata dalle mille luci della città più vicina, Agadir.
Le riprese sono iniziate lo scorso 14 ottobre ad Agadir, dove proseguiranno fino al 26, per poi continuare per sei settimane fra le mura e la medina di Taroudant, ancora Agadir e il Teatro Mohammed VI di Mohammedia, dove sono previste le riprese delle scene indiane in stile Bollywood.

[Maria Coletti]

fine_sezione
title_magazine_interno

Presenze africane sulla Croisette

Un po’ in ritardo segnaliamo alcuni dei titoli che sono presentati in questi giorni al 72° Festival di Cannes (14-25 maggio 2019). Per la prima (...)

FESCAAAL 2019: Rih rabani / Divine Wind

Presentato in anteprima mondiale a Toronto, Divine Wind (2018) del veterano Merzak Allouache era senz’altro tra i film più attesi in concorso al (...)

FESCAAAL 2019: tutti i premi

Sabato 30 marzo è stato il giorno delle cerimonie di premiazione del FESCAAAL di Milano. Ne parliamo al plurale, perché ce ne sono state due. La (...)

SOSTIENI CINEMAFRICA
title_newsletter
title_add_website


Inserisci il codice numerico
captcha